L'analisi del DNA sull'olio extra vergine di oliva sbarca nei tribunali

16 Dicembre 2015
Published in Innovazione Tagged under
Rate this item
(0 votes)

Era il 2004 quando i ricercatori francesi dell'Inra ne auspicavano l'uso forense. Dai primi lavori del Cra-Oli e dell'Università Cattolica di Milano ai kit commerciali per l'estrazione del DNA dall'olio extra vergine di oliva. Oggi è persino possibile identificare gli impollinatori putativi

L'inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari e l'operazione del Corpo Forestale dello Stato che hanno messo in luce la maxifrode da 7000 tonnellate di falso olio extra vergine di oliva italiano, ha visto nell'analisi del DNA l'arma fumante. Nell'olio sotto indagine sarebbero stati trovati extra vergini provenienti da Turchia, Siaria, Tunisia e Marocco. Ne deduciamo, quindi, che siano stati scoperti, negli oli etichettati come extra vergini italiani, cultivar di olivo caratteristiche di quelle aree geografiche.

Non si parla, quindi, né di Arbequina né di Arbosana (cultivar spagnole presenti in Italia negli impianti superintensivi) né della greca Koroneiki (ugualmente presente in misura minore negli impianti superintensivi e in qualche impianto intensivo).

L'attenzione quindi, si è immediatamente catalizzata sull'effettiva affidabilità del metodo. Giova ricordare che già nel 2004 i ricercatori dell'Inra ne auspicavano l'utilizzo in campo forense.

Solo in Italia hanno lavorato sull'estrazione del DNA dall'olio, per la caratterizzazione varietale e la tracciabilità, diversi istituti di ricerca: il Cra-Oli (ora Crea), l'Università Cattolica di Milano, l'Università di Parma, l'Università di Perugia, il Cnr, l'Università di Bari, l'Università di Udine e recentemente anche l'Università del Sannio.

Nel 2012 su Teatro Naturale pubblicammo un'intervista ai principali protagonisti della prima stagione delle ricerche sull'estrazione del DNA, evidenziando le lacune e i problemi del metodo.

Dal progetto di ricerca Olive Track (2003-2005) ad oggi sono nati persino dei kit commerciali per l'estrazione del DNA dall'olio di oliva ed è stato un fiorire di ricerche scientifiche in ogni Paese olivicolo del Mediterraneo. Se ne sono occupati certamente in Francia, Spagna, Portogallo e Tunisia, ma anche in molte altre nazioni. Nel 2014, in Italia, si è chiuso il progetto Certolio (“CERTificazione della composizione varietale, dell'origine geografica e dell'assenza di prodotti di sintesi negli OLI extravergini di Oliva” ), finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, che ha permesso, di ottenere un “database, disponibile a tutti gli interessati” contenente “i profili molecolari dell’85% delle varietà di olivo italiane”. Secondo lo staff del progetto il database “è indispensabile per la tracciabilità varietale dell’olivo extravergine d’oliva al fine di tutelare e valorizzare il “Made in Italy”.

Molti dei problemi riscontrati nel metodo risultano ormai risolti o in via di risoluzione, in particolare per quanto riguarda l'estrazione del DNA dall'olio, processo particolarmente delicato, e l'amplificazione dei frammenti di DNA. La tecnologia PCR, in abbinamento con i marcatori SSR, offre un'alta affidabilità. Nel migliore dei casi oggi è possibile rintracciare e discriminare cultivar presenti fino all'1% nell'olio esaminato e, secondo la recente ricerca dell'Università del Sannio, anche gli impollinatori putativi.

I ricercatori campani hanno sviluppato un metodo “affidabile e non costoso” per l'estrazione del DNA da oli commerciali. Attraverso tale metodo il DNA è “straordinariamente stabile e suscettibile di analisi molecolari”. Grazie al metodo i ricercatori hanno individuato, dagli extra vergini sotto esame, quattro cultivar tipiche del Sannio e di distinguerle da quelle a più ampia diffusione. Inoltre, attraverso un'analisi statistica di parentela, i ricercatori hanno anche individuato gli impollinatori putativi. Katia Raieta, Livio Muccillo e Vittorio Colantuoni hanno quindi affermato che l'analisi del DNA è uno “strumento senza precedenti e potente per la tracciabilità dell'olio d'oliva.”

Bibliografia
Parte della bibliografia disponibile su DNA e olio d'oliva:

Palmieri, L., Doveri, S., Marmiroli, N., Donini, P.(2003) Molecular marker characterisation of olive oil variety composition. Proceedings of the XLVII Italian Society of Agricultural Genetics - SIGA Annual Congress, abstract 5.44.

Gomes, S., Martins-Lopes, P., Meirinhos, J., Santos, L., Guedes Pinto, H. (2004) Variability analysis between different Olea europaea L. Cultivars using RAPD technique. Abstracts of XXXI Jornadas Portuguesas de Genética, P39, p. 86.

Marmiroli, N., Palmieri, L., Donini, P., Fogher, C., Martin, A., da Câmara Machado, A., Lopes, P., Breton, C. (2004) Caratterizzazione di oli d’oliva mediante metodi molecolari basati sull’analisi del DNA. Atti del Convegno Nazionale Germoplasma Olivicolo e Tipicità dell’Olio, pp. 221-225.

Breton, C., Claux, D., Metton, I., Skorski, G., Berville’, A. (2004) Comparative study of methods for DNA preparation from olive oil samples to identify cultivar SSR alleles in commercial oil samples: possible forensic applications. Journal of Agricultural and Food Chemistry, 52(3); 531-537.

Palmieri, L., Doveri, S., Lee, D., Marmiroli, N., Donini, P. (2004) Molecular marker characterisation of olive oil variety composition and SNP development in olive. Proceedings of Plant & Animal Genomes XII Conference, abstract P305.

Busconi, M., Foroni, C., Corradi, M., Bongiorni, C., Cattapan, F., Fogher, C. (2003) DNA extraction from olive oil and its use in the identification of the production cultivar. Food Chemistry 83:127-134.

Sabino Gil, F., Lopes, M.S., Mendonça, D., da Câmara Machado, A. (2003) Rastreio da origem e autenticidade do azeite através da combinação de abordagens genómica e metabolómica (OLIV-TRACK). Proceedings of III Simpósio Nacional de Olivicultura, Castelo Branco, Portugal, October 2003.

Lopes, M.S., Mendonça, D., Sefc, K.M., Sabino Gil, F., da Câmara Machado, A. (2003) Caracterização molecular do germoplasma olivícola através de microssatélites. Proceedings of III Simposio Nacional de Olivicultura, Castelo Branco, Portugal, October 2003

Marmiroli, N., De Bellis, G., Donini, P., Fogher, C., Martin, A., da Câmara Machado, A., Lopes, P., Breton, C., Pinatel, C., Cavinato, G., Rinaldi, L., Verhe’, R., Berville’, A., Berti, L. (2004) Molecular traceability for olive oil: a genomic and metabolomic approach. Proceedings of the International Food Conference “Thinking Beyond Tomorrow”, Dublin, 17-18 June 2004, p. 183. ISBN 1 8417 361 3.

Díaz, A., De la Rosa, R., Martín, A., Rallo, P. (2004) Cultivar identification and elucidation of genetic relationships within the species Olea europaea L. using microsatellites. Proceedings of 5th International Symposium on Olive Growing, p. GG-93.

Marmiroli, N., De Bellis, G., Donini, P., Fogher, C., Martin, A., da Câmara Machado, A., Lopes, P., Breton, C., Pinatel, C., Laccone, G., Rinaldi, L., Verhe’, R., Berville’, A., Berti, L. (2004) OLIV-TRACK: Traceability of origin & authenticity of olive oil by combined genomic and metabolic approaches. Description of project. Proceedings of “A sense of identity” European Conference on Sensory Science of Food and Beverages, Firenze, P128.

Reale, S., Doveri, S., Angiolillo, A., Pilla, F., Donini, P., Lee, D. (2004) SNP development strategies in olive (Olea europaea L.). Proceedings of SIFV - SIGA Joint Congress, abstract C.19.

Palmieri, L., Vietina, M., Bottura, C., Donini, P., Marmiroli, N. (2004) SNP development in olive and their application on varietal determination in olive oil. Proceedings of SIFV - SIGA Joint Congress, abstract F.63, pp. 196-197.

Marmiroli, N. (2004) Development of molecular markers and their application on traceability and varietal composition of olive oil. Proceedings of SIFV - SIGA Joint Congress, abstract H.14, pp. 233-234.

Doveri, S., Reale, S., Lee, D., Donini, P. (2004) Molecular characterization of olive varieties with SSR markers. Proceedings of SIFV - SIGA Joint Congress, abstract G.03.

Guedes Pinto, H., Martins-Lopes, P., Gomes, S., Meirinhos, J., Lima Brito, J., Santos, L., Marmiroli, N. (2004) Oliv-Track – A European project for olive oil traceability. In: Vollmann, J., Grausgruber, H., Ruckenbauer, P. (eds.) Genetic Variation for Plant Breeding, EUCARPIA & BOKU, Vienna, p. 500.

Martins-Lopes, P., Gomes, S., Meirinhos, J., Lima Brito, J., Santos, L., Guedes Pinto, H. (2004) Variability analysis between different Portuguese olive (Olea europaea L.) cultivars by RAPD and ISSR. In: Vollmann, J., Grausgruber, H., Ruckenbauer, P. (eds.) Genetic Variation for Plant Breeding, EUCARPIA & BOKU, Vienna, p. 155.

Díaz, A., De la Rosa, R., Martín, A., Rallo, P. (2004) Development and characterization of 12 new microsatellites in olive (Olea europaea L.). Proceedings of 5th International Symposium on Olive Growing, p. GG-118.

Marmiroli, N., Palmieri, L., Maestri, E., Donini, P., Fogher, C., Busconi, M., Martin, A., da Câmara Machado, A., Lopes, P., Breton, C. (2004) DNA analysis of olive oils for molecular traceability. Proceedings of 5th International Symposium on Olive Growing, p. GG-135.

Ollivier, D., Artaud, J., Pinatel, C., Durbec, J.P., Guérère, M. (2005) Caracterisation sensorielle et chimique d'huiles d'olive vierges de cinq AOC françaises. Le Nouvel Olivier, N°44, p. 4-12.

Martins-Lopes, P., Gomes, S., Lima-Brito, J., Santos, L., Guedes-Pinto, H. (2005) Molecular markers for olive oil traceability. Micro-Biotec-2005 Congress, 30 November – 3 December 2005, P343.

Dorado, G., Rallo, P., Hernández, P., Giménez, M.J., Benítez, Y., Díaz, A., De la Rosa, R., Caballero, J.L., Muñoz-Blanco, J., Martín, A. (2005) Marcadores moleculares para la mejora genética, identificación y trazabilidad del olivo, la aceituna y el aceite de oliva. In: IFAPA-DAP (eds.): “Programa de Mejora de la Calidad de la Producción de Aceite de Oliva y de Aceitunas de Mesa. Actividades de Investigación y Transferencia de Tecnología”. Sección 1: Técnicas para la producción de aceituna de calidad y conservación del medio natural. IFAPA-DAP-Egondi (Sevilla), Chapter 29, p. 122-126.

Michelangelo Vietina, Caterina Agrimonti, Nelson Marmiroli Detection of plant oil DNA using high resolution melting (HRM) post PCR analysis: A tool for disclosure of olive oil adulteration, Food Chemistry, Volume 141, Issue 4, 15 December 2013, Pages 3820-3826

di R. T.

Read 260 times Last modified on Mercoledì, 16 Dicembre 2015 14:42

ULTIME NEWS

NEWS VIDEO

  • Raffaella Pusceddo in Spagna. Olio deodorato è stato trovato dalla Procura di Siena nei campioni prelevati alla Valpesana. E la…
    Read more...